Contatti: 333.38.86.193

oppure potete usare il nostro modulo online.

 

 

Il paese di Piobbico

Piobbico è un paese situato in una valle (340 m slm) chiusa tra due montagne: il Monte Nerone (1526 m) e il Montiego (980 m.), alla confluenza dei fiumi Biscubio e Candigliano, che hanno il loro punto d’incontro al centro dell’abitato. Il territorio comunale si espande tra i monti dell’Appennino umbro-marchigiano, ed è assai interessante per le tantissime emergenze naturalistiche e paesaggistiche che, legandosi a quelle storiche, rendono il paesaggio naturale ed antropico così ricco di elementi, così variegato ed attraente da soddisfare in maniera esaustiva un turismo teso alla riscoperta della natura, del paesaggio e della sua storia.

Il paese si è sviluppato ai piedi della collina su cui sorge il maestoso Castello Brancaleoni ed il sottostante Borgo medievale. La storia di Piobbico à intimamente connessa alla storia della famiglia comitale dei Brancaleoni, che ha dominato queste contrade per ben sette secoli, infatti il Castello Brancaleoni si è sviluppato in periodi successivi, dal 1200 al 1700. La sua costruzione è iniziata come fortezza per poi assumere, nel corso degli anni, l’aspetto e la leggiadria di un palazzo rinascimentale, ricco di affreschi, stucchi, camini, scritte in latino, greco e volgare, date e nomi, che ci hanno permesso di ricostruire la storia architettonica di questo grande contenitore (130 stanze).

Oltre al castello

Grande interesse artistico per l’architettura e le opere che contengono hanno anche le chiese di S. Stefano (“Il riposo della Sacra Famiglia durante la fuga in Egitto” di Federico Barocci 1532-1612) e il Santuario di Santa Maria in Val d’Abisso, di origine romanica, restaurato nel Rinascimento e contenente interessanti affreschi del 1400 e 1500.

 

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Daniela Rossi